“Si dice che nella vita ci si innamora davvero solo tre volte: la prima volta da adolescenti, la seconda crediamo sia quella definitiva ma la terza è per sempre”

Francesca Morvillo Falcone

Oggi insieme a Giovanni, sei partita per l’ultimo viaggio.

La tua Palermo, la tua famiglia, l’amore per la tua professione, la consapevolezza del futuro incerto, i tuoi capelli biondi, il sorriso dolce terso e malinconico, la vita blindata, il cinema e il teatro sempre all’ultimo spettacolo, le mangiate di pesce al mare, i giri in barca con Giovanni, le passeggiate in centro per le compere con l’adorata suocera, in attesa del fine settimana con Giovanni, i viaggi in aeroporto con l’auto blindata per accoglierlo, gli abbracci e il tenersi per mano, stringersi e sorridersi come due ragazzini adolescenti alla prima uscita.
Siete passati avanti assieme, uno vicino all’altro, lui al volante, tu nel sedile accanto. Vi hanno estratti ancora vivi da quell’inferno, sei sopravvissuta per cinque ore, il corpo devastato, le gambe spezzate, il ventre squarciato. Avevi 46 anni. Solo 4 più di me oggi.

ApidiCarta APS è con il cuore e con l’anima li, su quella autostrada Capaci che oggi ha potuto assistere finalmente all’apertura di Must23 che sentiamo anche un po’ nostro❤️

Ma ci sono io, che con Francesca ho un impegno preso, un cerchio da chiudere, un conto in sospeso.
Devo a lei e al suo grande senso di appartenenza e responsabilità il tassello mancante.

Dentro il nostro alveare c’è un posto tuo che chiamiamo semplicemente Francesca che non vediamo l’ora di consegnarti a Capaci.

Francesca e Giovanni
23 maggio 1992